Al castello di Bogli

Oggi ho fatto una escursione al castello di Bogli. La camminata non è brevissima e la strada è interrotta in alcuni punti, rendendo il tragitto poco agevole.

Del castello non c’è praticamente niente, se non qualche cresta di muro visibile in superficie. “Castello” è forse eccessivo come denominazione, viste le piccole dimensioni penso si tratti di una torre a controllo del fondovalle. La postazione è costruita su un tratto del pendio naturalmente rialzato, e in più c’è un ampio fossato scavato artificialmente nella roccia sul versante a monte.

Qualche “genio” ha pensato bene di scavare qui un paio di buche alla ricerca di tesori, senza rendersi conto che in queste torri di avvistamento stavano disgraziati di infima classe sociale, costretti a passare interi inverni isolati, senza alcun tipo di comfort né tanto meno di oggetti preziosi.

Ho scattato un autoritratto commemorativo:

Autoritratto

Pubblicato da

Stefano Costa

Archaeologist, I study the Late Antique and Early Medieval/Byzantine period on the northern side of the Mediterranean, focusing on pottery usage patterns. I'm also involved in open source and open knowledge communities, like OSGeo, the IOSA project and the Open Knowledge Foundation.

Rispondi