QMDAA-2

Beh, il QMDAA è finito, ovviamente, e io nel frattempo non ho avuto modo di scrivere più su questo blogo.

Tutto fila dannatamente veloce, le cose da fare sono veramente troppe se uno non si ferma mai a farne una in particolare. La prossima cosa grossa sicuramente è il workshop 2007 sull’archeologia libera, a cui ho iniziato a lavorare con Gianluca, Giancarlo e Roberto. Vedremo. Intanto l’argomento su cui focalizzare la nostra attenzione è già stato scelto e si tratta della condivisione dei dati. Come Science Commons, solo in archeologia. Meno semplice di quanto si possa pensare, in realtà, considerate le resistenze accademiche di cui gode la nostra dannata disciplina (scienza? bah, la questione se lo sia o meno comincia ad annoiarmi… non so voi).

Nei giorni scorsi ho però potuto giovarmi della lettura stellare della Guida galattica dell’Autostoppista, che consiglio a tutti gli amanti del genere letterariolibro intelligente per persone intelligenti.

Pubblicato da

Stefano Costa

Archaeologist, I study the Late Antique and Early Medieval/Byzantine period on the northern side of the Mediterranean, focusing on pottery usage patterns. I'm also involved in open source and open knowledge communities, like OSGeo, the IOSA project and the Open Knowledge Foundation.

Rispondi