Software libero e open source

Da diversi anni sono un utente entusiasta del software libero, e mi piace così tanto che ho anche iniziato a scriverne.

Archeologia

http://www.iosa.it/ è il sito web del progetto IOSA, iniziato nel 2004 in seno al grupporicerche. Il progetto, nato con l’idea di raccogliere documentazione e informazioni sugli applicativi liberi utilizzabili in archeologia, si è concentrato sulla creazione di una vasta directory di link, costantemente aggiornata.

In ambito archeologico, mi dedico all’informatica come uno strumento da usare senza (troppi) preconcetti, cercando di dedicare la mia attenzione a come la scienza  dell’informazione attuale possa giovare in pratica allo svolgimento della ricerca archeologica. Per questo da diversi anni sto partecipando all’utilizzo del wiki come contenitore di informazione archeologica, e al Web Semantico. Quali che siano le scelte operate dagli archeologi in ambito tecnologico, essi saranno comunque sempre costretti ad adattarsi alle scelte operate dalla società nel suo complesso.

A partire dal 2006, ho partecipato a diversi incontri nazionali e internazionali sull’informatica applicata all’archeologia, e dal 2007 faccio parte del comitato scientifico dei workshop “Free software, open source e open formats nei processi di ricerca archeologica” partiti nel 2006 e giunti nel 2008 alla terza edizione.

Nel 2007 ho organizzato di persona la seconda edizione del workshop a Genova insieme a Gianluca Pesce e con l’aiuto di tutto il grupporicerche.

Uso da diversi anni strumenti GIS liberi come GRASS e QuantumGIS.

Community

Ho frequentato il Linux User Group di Genova, il GLUG, dove ho conosciuto diversi buoni amici.

Dal 2005 sono socio di ILS, che organizza da molti anni il Linux Day e raggruppa in tutta Italia diverse centinaia di persone che sostengono attivamente il software libero.

L’interesse per i sistemi informativi geografici mi ha spinto a partecipare dapprima ai meeting degli utenti italiani di GRASS e poi all’Associazione italiana per l’informazione  geografica libera, nota anche come GFOSS.it, che ne estende lo scopo e la base di partecipanti.

Nel febbraio 2008 sono stato eletto membro del consiglio direttivo della associazione e ho ricoperto la carica di tesoriere fino al 2010.

Programmazione

Non ho mai studiato programmazione né al liceo né all’università, e sono un autodidatta. Conosco (in ordine decrescente da quello che conosco meglio):

  1. Python
  2. R
  3. PHP
  4. Javascript

Python mi piace molto, è semplice da apprendere e potente. Inoltre la quantità di librerie disponibili rende accessibile anche per i programmatori alle prime armi la creazione di applicazioni di tutto rispetto.

In Python io e Luca Bianconi abbiamo iniziato a realizzare Total Open Station, un software libero multipiattaforma per scaricare ed elaborare i dati da stazione totale. Se vuoi saperne di più, consulta il sito ufficiale.

Dal 2006 ho scritto una certa quantità di script e piccole applicazioni per task specifici. La maggior parte del codice che scrivo è rilasciata sotto una licenza libera, e trovi i miei repository Mercurial e git su bitbucket.

L’interesse verso l’archeologia quantitativa mi ha spinto ad approfondire le mie (scarse) conoscenze di statistica e ad apprendere i rudimenti della programmazione con R.

Tutti dovrebbero imparare ad usare le espressioni regolari, in particolare nel settore umanistico. Ma non sembra che questo si avvererà prossimamente. Meglio per me.

Dal 2005 uso LaTeX per la composizione tipografica di tesi, tesine e altro materiale destinato alla pubblicazione. La mia prima motivazione per usare LaTeX è stata la possibilità di gestire in maniera efficiente ed elegante le bibliografie usando BibTEX.

In seguito ho imparato ad apprezzare LaTeX per l’ottima resa tipografica dei documenti, la possibilità di mantenere i sorgenti sotto controllo versione, l’integrazione con R e la straordinaria ricchezza di pacchetti che rendono possibile produrre qualsiasi cosa.

Altro

Sono un utente di buon livello di GIMP, il più completo programma libero di fotoritocco. Nel gennaio 2007 ho insegnato GIMP ad utenti di Photoshop presso l’Amministrazione Provinciale di Savona, con LiberSoft.

Il mio desktop environment è GNOME.

Ci dovrebbe essere anche un elenco dei dispositivi hardware che uso.

Rispondi