punizione

Ierisera avevo scritto un post lunghissimo sul senso dell’archeologia, della mia vita, e di altri argomenti di uguale pesantezza gastrica. Poi la punizione dell’eterno si è abbattuta sullo stolto e mi ha fatto saltare la connessione. Comunque si concludeva più o meno così:

La poesia
non fa per me.
Sono troppo logorroico.

ho fatto la spesa…

… stamattina sono passato da giangiacomofeltrinelli e ho fatto acquisti.Sono entrato per cercare (anzi, sfogliare) un libro su Python. C’era il classico O’Reilly a 44 modici euri, ma non mi ha aperto il cuore e nemmeno il portafogli.

Invece appena ho preso in mano Il futuro delle idee di Lawrence Lessig non l’ho più mollato, con la sua copertina gialla, e l’ho divorato andando verso casa.
Poi siccome sono un sedicente intellettuale non ho resistito ad una copia economica di Contro il metodo di P. K. Feyrabend, anche se ho Popper sul comodino da mesi che raccoglie la polvere… 😉
E poi, siccome non si può sempre cazzeggiare, ho anche preso due libri su Bisanzio per i due esami che devo sostenere quest’anno. Anche perché volente o nolente, era piuttosto difficile nella mia posizione ignorare l’esistenza di un impero bizantino.