The problem with satire and much political commentary is that politicians, and leaders particularly, are treated like human beings, with their own spoken language and experience and ideas, whereas a less naive view could acknowledge they are more a condensation of economic and lobby agendas, brought forward on a mid-term scale with fixed objectives. At least that seems to explain the trajectory of successful leaders and successful parties, like Berlusconi and lately Renzi. One may simplistically call them puppets for large groups of less visible people who are not directly involved with politics, from rich entrepreneurs to CFO of the financial sector and high-ranking civil servants. It’s certainly more nuanced and way deeper than that, though.

GQB 2015: day 0

This year, thanks to the combined availability of my employer (the Soprintendenza Archeologia della Liguria), the Italian School of Archaeology at Athens and the University of Siena I was able to take part again in the short field season at the Byzantine Quarter in Gortys (GQB). I promised my colleagues a daily report. Fasten your… Continua a leggere GQB 2015: day 0

Foto libere nei musei, ennesima occasione persa

Nella bozza di decreto con DISPOSIZIONI URGENTI PER LA TUTELA DEL PATRIMONIO CULTURALE, LO SVILUPPO DELLA CULTURA E IL RILANCIO DEL TURISMO compare come è noto anche la voce Misure urgenti per la semplificazione in materia di beni culturali e paesaggistici, che contiene tre norme diverse, del tutto slegate tra loro e a mio parere sintomo… Continua a leggere Foto libere nei musei, ennesima occasione persa

L’Italia in Africa: Pietro Toselli, Amba Alagi e il “solito” piatto in ceramica

Quando due anni fa ho pubblicato su questo blog un racconto iper-dettagliato su alcuni piatti marchiati Società Ceramica Italiana non avrei mai pensato che quel racconto sarebbe diventato di gran lunga la pagina più visitata di questo piccolo blog. Era inaspettato, mi ha messo in contatto con altre persone molto più competenti di me sull’argomento,… Continua a leggere L’Italia in Africa: Pietro Toselli, Amba Alagi e il “solito” piatto in ceramica

Report, Firenze e il patrimonio culturale in affitto

Qualche giorno fa un servizio della trasmissione TV Report ha affrontato il tema dell’affitto di palazzi, musei e altri luoghi “della cultura” per iniziative private. Non ho visto la puntata in diretta, che si può comunque riguardare sul sito di Report (con tanto di PDF ‒ il filmato si può scaricare senza Silverlight direttamente da… Continua a leggere Report, Firenze e il patrimonio culturale in affitto

Caro Mario Calabresi…

… poiché nel suo articolo di oggi ha (come direbbe il presidente del Consiglio) rovesciato la frittata invece che affrontare il problema, voglio fare un tentativo di spiegarmi, di capire. Il problema è ovviamente l’articolo di Gianni Riotta pubblicato ieri da La Stampa. Mi limito all’articolo perché, netiquette (e/o buonsenso) alla mano, quello che è… Continua a leggere Caro Mario Calabresi…

L’indifferenza per la morte di Mame Mor Diop

Il 19 luglio 2013 a Ventimiglia è morto Mame Mor Diop. Magari lo avete letto su un quotidiano (Repubblica.it, TeleNord). Stava scappando dalla polizia perché era un venditore abusivo. Tutti i venerdì si tiene a Ventimiglia un mercato tra i più grandi d’Europa (dicono). Forse è fisiologico che ci siano venditori abusivi su un mercato… Continua a leggere L’indifferenza per la morte di Mame Mor Diop

Pubblicato
Etichettato come Politics

Paesaggio e infrastrutture

Oggi la sottosegretaria Borletti scrive: #Report:promuovere il patrimonio culturale senza infrastrutture per viaggiare e'inutile.Ci aspetta un lavoro enorme ma la strada e'quella. — Ilaria Borletti 🇮🇹🇪🇺 (@ilaborletti) May 5, 2013 Pochi giorni fa il presidente Letta ha detto: Per questo dobbiamo rilanciare il turismo e, soprattutto, attrarre investimenti. Rimuoviamo quegli ostacoli che fanno sì che… Continua a leggere Paesaggio e infrastrutture

Pubblicato
Etichettato come Politics

Un articolo per la prossima legge elettorale

Pare che nel programma del nuovo governo ci sia anche una nuova legge elettorale. Ma l’ho sentito dire da troppi governi per crederci veramente. Comunque. Che si faccia doppio turno alla francese, tedesco misto con mostarda, carpiato in e-voting o democrazia diretta (SVEGLIA!!11!!) c’è una cosa che potrebbe essere nella prossima legge elettorale. Non ne… Continua a leggere Un articolo per la prossima legge elettorale

Pubblicato
Etichettato come Politics