Pagare di più per avere di meno? Treno!

È ufficiale. Io ODIO Trenitalia e tutto il gruppo Ferrovie dello Stato. Non è una cosa di facciata, come uno dice di odiare Bush che poi è tutta ideologia. Non è nemmeno una cosa come dire che odio il calcio, perché in fondo non me ne frega niente.

Invece no. Trenitalia S.p.A. (cioè società per azionisti, ovvero gli unici che traggono vantaggio dalle attività della società medesma) è una vera merda.

Lunedì 1 gennaio 2007. Ore 17.20. Stazione di Trofarello. Si entra di lato ché ci sono i lavori in corso. Talmente in corso che la stazione non esiste. Né la annessa biglietteria. Né una annessa macchina automatica limitata alla rete regionale utilizzabile solo con monete da 50 ¢ o schede a scalare acquistabili nella biglietteria chiusa i giorni dispari delle settimane pari dalle 08.00 alle 08.12.

Niente biglietto. Arriva il treno. Trofarello-Ronco Scrivia: 6,82 €. Biglietto in treno: 5,00 €. Totale: troppo. Troppo per una persona normale che arriva in stazione e vorrebbe trovare un biglietto da comprare per salire su un treno in condizioni pietose e muoversi da una stazione chiusa ad un'altra stazione chiusa. Ma il prezzo aumenta. I prezzi dei treni aumentano, da ieri.

Dunque, partenza rimandata. Torino Porta Nuova, martedì 2 gennaio 2007. Ore 08.00. Macchinetta automatica, di quelle che se fai il biglietto con quella puoi anche vincere premi straordinari. Scelgo la tratta e digito il codice di 9 cifre per accedere al favoloso sconto del 10% per soci giovani (ché ho ancora questa sfortuna dalla mia). E la macchina si blocca. D'altra parte gira su OS/2, che ci possiamo aspettare?

Cambio macchinetta. Stessa procedura, stesso modo silenzioso di impallarsi. Alla terza macchinetta rinuncio al favoloso sconto e decido di usare la mia carta viaggio smart numero 000750867 per accumulare punti viaggio. Vedrai, roba che tra due anni mi faccio un Genova-Roma in Intercity Plus a metà prezzo. Ma anche lei decide che non va. A quel punto, una rapida occhiata all'orologio mi fa capire che ho il tempo per compiere una deliziosa vendetta. Dopo aver usato la quarta macchinetta per stampare un biglietto senza alcuno sconto o punto premio, impallo anche quella. E poi tutte le altre. In 5 minuti le 12 macchinette di Torino Porta Nuova erano tutte ferme. E su tutte campeggiava glorioso il numero 000750867. 

Pubblicato da

Stefano Costa

Archaeologist, I study the Late Antique and Early Medieval/Byzantine period on the northern side of the Mediterranean, focusing on pottery usage patterns. I'm also involved in open source and open knowledge communities, like OSGeo, the IOSA project and the Open Knowledge Foundation.

Rispondi