Total Open Station 0.4 release

This article was originally published on the Total Open Station website at https://tops.iosa.it/

After two years of slow development, I took the opportunity of some days off to finally release version 0.4, that was already available in beta since 2017.

No open bugs were left and this release is mature enough to hit the repositories.

Find it on PyPI at https://pypi.python.org/pypi/totalopenstation as usual.

Windows users, please note that the TOPS-on-a-USB-stick version will have to wait a few days more, but the beta version is equally functional.

What’s new in Total Open Station 0.4

The new version brings read support for 4 new formats:

  • Carlson RW5
  • Leica GSI
  • Sokkia SDR33
  • Zeiss R5

Other input formats were improved, most notably Nikon RAW.

DXF output was improved, even though the default template is not very useful since it is based on an old need from the time when TOPS was developed day to day on archaeological excavations.

The work behind these new formats is in part by the new contributor to the project, Damien Gaignon (find him as @psolyca on GitHub), who submitted a lot of other code and started helping with project maintenance as well. I am very happy to have Damien onboard and since my usage of TOPS is almost at zero, it’s very likely that I will hand over the development in the near future.

The internal data structures for handling the conversion between input and output formats are completely new, and based on the Python GeoInterface abstraction offered by the pygeoif library. This allows going beyond single points to managing lines and polygons, even though no such feature is available at the moment. If you often record linear or polygonal features that you’re manually joining in the post-processing stage, think about helping TOPS development and you could get DXF or Shapefiles with the geometries ready to use (yes, Shapefile output is on our plans, too).

There were many bugfixes, more than 100 commits, 64 by Damien Gaignon and 52 by myself (to be honest, many of my own commits are just merges!).

This version is the last built on Python 2, and work is already ongoing towards a new version that will be based on Python 3: a more mature codebase will mean a better program, without any visible drastic change.

Photo by Scott Blake on Unsplash

I left my role of editor of the Journal of Open Archaeology Data

After serving for 7 years as the co-editor of the journal together with Victoria Yorke-Edwards, I have chosen to step down from my role as editor, while remaining on the Editorial Board. I had been on the Editorial Board before.

Recently I have become rather busy with work and family commitments, with only a minor involvement in academic archaeology to guarantee the time and effort that is required for running JOAD. To ensure that JOAD continues to be successful, this decision was necessary. This announcement arrives after one year of transition – we did not abandon the ship and continued publishing open archaeology datasets.

The new editors, Alessio Palmisano and Carmen Ting, will bring forward the journal’s mission with support from Anastasia Sakellariadi who has taken the very important role of editorial manager for the journal at Ubiquity Press.

As I look back to the past few years, the global scenario of open research data has changed a lot, becoming both more and more common but also more integrated with other facets of the broader open science movement, in archaeology too.

I think JOAD has a tremendous potential to improve all archaeological disciplines as an open science good practice. The peer review process is almost always a chance for authors to improve their work and the datasets they are about to publish, thanks to the many reviewers that volunteered to foster our activity. You can register now to become a reviewer in your field of specialization.

There are now other data journals that, while missing the specificity on archaeology, are geared towards a systematic habit of data sharing via data descriptor papers. This is both a challenge to the idea of a specific journal for each disciplinary field (something that mega-journals partly achieved, in the footsteps of PLOS One) and a big move towards open access publishing for research data, whatever the actual plan we choose to get there. I am convinced that the Journal of Open Archaeology Data will play its role even in this changed environment.

ArcheoFOSS: un saluto e buon viaggio

Un mese fa, pochi giorni dopo essere rientrato dall’incontro FOSS4G-IT di Padova, ho mandato una email a un gruppetto di 8 persone che, presenti fisicamente o meno a Padova, hanno seguito da vicino le vicende di ArcheoFOSS negli ultimi tempi. Con questa email ho salutato ArcheoFOSS e adesso, sedimentati un po’ i pensieri, pubblico questo articolo con un augurio di buon viaggio.

L’edizione 2019 di ArcheoFOSS è stata ottima, sia dal punto di vista degli interventi sia come partecipazione numerica ai workshop. Ha funzionato abbastanza l’integrazione con gli amici di FOSS4G-IT, nonostante una certa ghettizzazione (aula lontana, niente streaming, niente computer pronto) di cui è rimasta traccia anche nei comunicati stampa conclusivi e nelle discussioni organizzative di coda. Non ho comunque potuto fare a meno di notare negli interventi un certo distacco tra chi presenta in modo occasionale e chi ha seguito negli anni un percorso collettivo di crescita, tra chi ha “usato l’open” e chi costruisce strumenti condivisi, conoscenza trasversale.

Gli incontri però non si chiudono con la fine dell’ultima presentazione in sala. Come abbiamo detto a Padova, con grande sforzo mio, di Saverio Giulio Malatesta e soprattutto di Piergiovanna Grossi sono quasi ultimati gli atti del 2018 che saranno pubblicati in un supplemento di Archeologia e Calcolatori grazie alla disponibilità di Paola Moscati e alla volontà di tanti autori di autotassarsi per contribuire alla pubblicazione del volume.

Ma veniamo al dunque.

Condivido una decisione che ho maturato serenamente negli ultimi 6-12 mesi, cioè quella di fare un passo indietro e “uscire” da ArcheoFOSS per la prima volta dal lontano 2006 a Grosseto (quando non avevamo ancora questo nome, ma uno molto più lungo). Questo non perché io non condivida lo spirito che anima questo gruppo di persone, che anzi credo di continuare a coltivare e diffondere. Né perché io sia “arrivato” a occupare una posizione in soprintendenza dove non ho più bisogno di ArcheoFOSS come biglietto da visita (non che sia mai successo…).

Vorrei metaforicamente uscire dalla porta dopo aver salutato, a differenza di tante altre persone che hanno fatto anche molto (penso a chi ha organizzato il workshop nelle edizioni 2006, 2010, 2011, 2012, 2013) senza poi avvisare in modo chiaro di non essere più a bordo.

Semplicemente, se così posso dire, mi manca il tempo per fare con entusiasmo e passione le cose indispensabili (organizzare il workshop, pubblicare gli atti, ma anche tenere il tutto vivo per 12 mesi l’anno, gestire il sito, il forum) e non ho le energie per farle nemmeno in modo approssimativo. Non è l’unico impegno di questo genere che ho deciso di chiudere (a breve, per gli affezionati, altri aggiornamenti).

ArcheoFOSS mi piace sempre moltissimo, anche se mi sembrano sempre più flebili l’anima quantitativa, quella metodologica, quella di rivendicazione che proprio nel 2006 erano un ingrediente fondamentale. Senza quelle, io penso che non si vada lontano. Penso anche che ArcheoFOSS troverebbe uno spazio più coerente a rapporto con realtà e incontri archeologici invece che recitando la parte “archeo” di un altro contenitore legato al software libero (perché così manca un confronto critico, una valutazione sulla bontà archeologica dei lavori presentati, e soprattutto la possibilità di incidere direttamente sulla pratica del settore). Questo ovviamente vale nella situazione attuale, in cui non ci sono risorse per organizzare un incontro autonomo.

Passando alle questioni pratiche, come avevo anticipato, ho chiuso il forum Discorsi su ArcheoFOSS lasciando in sola lettura i contenuti pubblici. Questo ha suscitato una “lettera aperta” da parte di Emanuel Demetrescu, che dopo averla condivisa con me ha voluto pubblicarla anche su Facebook, non so con quale riscontro.

Inoltre ho deciso che non farò parte del comitato scientifico per prossimi incontri.

Mi piacerebbe moltissimo partecipare in futuro ad ArcheoFOSS presentando quello che credo di continuare a fare (software libero, banche dati, formati aperti). Quando è iniziata questa avventura avevo 23 anni e adesso ne ho quasi 36: non esagero dicendo che ho imparato moltissimo dalle tante persone che ho avuto la fortuna di incontrare in questi anni, e ne sono pubblicamente e dichiaratamente riconoscente. Ci incontreremo ancora.

Nel frattempo, vi auguro buon viaggio.

Reproducible science per archeologi

Il 20 febbraio 2019, a Padova, tengo un workshop su Reproducible science per archeologi dentro il convegno FOSS4G-IT 2019. Avete tempo fino a mercoledì 13 febbraio per iscrivervi.

Cosa facciamo

Questo workshop guida i partecipanti nella creazione di una analisi di dati archeologici, secondo i canoni della reproducible science sempre più diffusi a livello internazionale e trasversale.

Utilizzando software di elaborazione ben noti come il linguaggio R e l’ambiente di programmazione RStudio, partiremo da alcuni dataset e affronteremo i vari passaggi analitici che vengono trasposti sotto forma di codice: è una procedura pensata per rendere esplicito il processo di ricerca con i suoi meccanismi di tentativi ed errori, secondo il principio della ripetibilità sperimentale.

I partecipanti potranno intervenire attivamente con me nella definizione del percorso e del prodotto finale del workshop, esplorando le pratiche più attuali della open science archeologica diffuse a livello internazionale.

Ci colleghiamo ad altri workshop svolti negli anni scorsi negli USA da Ben Marwick e Matt Harris.

Come iscriversi

Vi potete registrare fino al 13 febbraio 2019 su questa pagina http://foss4g-it2019.gfoss.it/registrazione

Per l’iscrizione è richiesto un pagamento di 10 € che vanno a coprire i costi organizzativi dell’evento – non serve a pagare il sottoscritto.

Letture e riferimenti

Per partecipare servirà avere installato R, RStudio e se possibile anche Git:

Di seguito qualche link a letture utili per prepararsi al workshop:

Usare SIGECweb su macOS o GNU/Linux

SIGECweb è la piattaforma del Sistema informativo generale del catalogo accessibile via web.

Tramite SIGECweb tutti gli utenti abilitati (sia interni al Ministero, sia esterni) possono accedere al patrimonio informativo delle schede di catalogo per effettuare nuove catalogazioni, digitalizzazioni delle schede cartacee esistenti o campagne di revisione delle schede già inserite in banca dati, nonché ricerche estese. Si tratta di uno strumento fondamentale per la tutela del patrimonio culturale italiano.

Da alcuni anni, per una serie di problemi tecnici, SIGECweb è accessibile solo tramite una specifica versione del browser Firefox, la 45, che l’Istituto Centrale per il Catalogo e la Documentazione (ICCD) mette a disposizione tramite il proprio sito. In pratica questa versione personalizzata non sostituisce il browser esistente ma viene installata esclusivamente per l’uso del SIGECweb.

Il file di installazione fornito è disponibile solo per sistemi Windows, e una volta installato crea un nuovo profilo utente separato da quello principale (non troveremo la cronologia dei siti visitati, le password salvate, i segnalibri, le opzioni etc).

Se abbiamo esigenza di usare SIGECweb da macOS o GNU/Linux, è possibile comunque seguire attentamente i suggerimenti riportati nell’articolo Install an older version of Firefox e scaricare la stessa versione 45 per il nostro sistema operativo dall’archivio ufficiale di Mozilla:

La versione per GNU/Linux è direttamente funzionante una volta estratti i file dall’archivio compresso. È tuttavia necessario creare un diverso profilo utente, analogamente alla versione predisposta da ICCD. In questo profilo utente sarà anche salvata l’opzione di disattivare gli aggiornamenti, che dobbiamo limitare al solo Firefox per SIGECweb.

Il modo più semplice per creare il nuovo profilo utente è eseguire Firefox dal terminale dalla directory dove è stato scaricato:

» ./firefox -P
Schermata dell’archivio con la versione 45.9.0 di Firefox
La finestra di selezione del profilo utente. Da qui, solo la prima volta, dobbiamo creare il nuovo profilo SIGECweb e deselezionare la voce “Utilizza il profilo selezionato senza chiedere all’avvio”.

Una volta creato il profilo utente dedicato, è necessario disattivare gli aggiornamenti automatici, che purtroppo non possiamo installare. Visto che è importantissimo mantenere aggiornata la versione di uso generale, l’uso di due profili separati ci permette di limitare questa disattivazione alla versione “parallela” dedicata a SIGECweb.

Adesso siamo pronti per continuare a usare il normale Firefox (debitamente aggiornato alla versione più recente!) per tutte le nostre attività, riservando la versione 45 a SIGECweb.

Chiudiamo tutte le finestre di Firefox, e poi apriamo nuovamente la versione normale. A questo punto comparirà nuovamente la finestra di selezione del profilo: possiamo riattivare l’utilizzo del profilo utente default senza chiedere all’avvio della versione Firefox normale, mentre useremo il profilo “SIGECweb” in modo dedicato avviando dal terminale.

Ripristinare il profilo di default per la versione aggiornata di Firefox.

Sempre dalla directory dove è stata scaricata la versione 45, possiamo usare questo comando:

» ./firefox -P SIGECweb --no-remote

L’opzione -P indica quale profilo caricare (senza far comparire la finestra di scelta) mentre l’opzione --no-remote permette di eseguire in parallelo entrambe le versioni di Firefox senza che quella dedicata a SIGECweb prenda il sopravvento.

Ora possiamo dedicarci alla catalogazione di beni culturali anche se il nostro sistema operativo non è Windows.

I libri che ho letto nel 2018

Nel 2018 ho fatto una scelta piuttosto originale per guidare le mie letture: ho recuperato a casa dei miei genitori un pacco di libri rimasti impilati negli ultimi anni, generalmente arrivati in regalo, che per qualche motivo non mi ero mai portato via. Libri che non avevo letto, ecco. Libri che avevo dimenticato di leggere. Uno magari potrebbe decidere di leggere solo una certa autrice per tutto l’anno, solo libri pubblicati nel 1965, o qualche criterio del genere.

Ho finito la pila di libri non letti e poi mi sono tuffato dentro 4 3 2 1 come una lontra nel fiume.

Daniele De Silva, Non avevo capito niente

Questo non era rimasto impilato ma mi ha dato l’idea di una annata a tema. Un po’ sconnesso nell’incedere ma è stata una bella lettura, forse troppo veloce.

Annamaria Fassio, I giorni del Minotauro

Un giallo piemontese edito da Frilli. Ben architettato e ambientato.

Chinua Achebe, Non più tranquilli

Se con Le cose crollano eravamo di fronte alla tragedia di una società antica, di un suo protagonista inizialmente invincibile, il salto di due generazioni ci porta in un tempo dell’Africa quasi contemporaneo, eppure ancora legato a quella società antica, ai suoi legami indissolubili da cui è difficile sciogliersi anche per chi è apparentemente molto brillante.

Antonio Pennacchi, Canale Mussolini

A me Canale Mussolini non è piaciuto. Ho faticato per leggerlo. Ho sperato a lungo che abbandonasse la prosa dal fare omerico via via che la storia si dipanava, ripetendosi sempre uguale, e invece niente. Ci ho sperato un po’ perché varie persone erano rimaste entusiaste. Di sicuro è scritto per conquistare il lettore. Di sicuro non avevo mai letto una giustificazione così lunga del fascismo, così assolutoria per chi ne è stato protagonista al minuto e così, diciamo, controversa nella figura del narratore. È difficile sospendere il giudizio mentre si legge questa epopea familiare fatta di personaggi tragici, immobili.

Come dice, scusi? Canale Mussolini avrebbe vinto il Premio Strega e io non capisco un’acca della letteratura italiana contemporanea? Ma io sto unicamente raccontando il libro come l’ho trovato io, che guarda caso poi risulta scritto da un prete, e sempre quest’anno mi son trovato con un altro illustre premiato ancor più penoso, e in fin dei conti se per far rinascere l’epica italiana dobbiamo sorbirci un revisionismo palloso e ripetitivo, allora lasciamola nella tomba. Questa è la mia versione dei fatti, poi vedete voi e andate in malora.

Enrico Giannichedda, Quasi giallo

Non conosco molti archeologi che scrivono gialli (ad eccezione, forse, di Fred Vargas che non è proprio un’archeologa). Quindi non sono preoccupato di dire che questo quasi giallo non mi è piaciuto moltissimo. Forse perché le parti archeologiche, che abbondano e quasi debordano, mi sono note in buon dettaglio sia per studio sia per averle sentite proprio dalla voce di Enrico Giannichedda, e in questa cornice sembrano paradossalmente meno interessanti. Forse perché le parti gialle sono abbastanza solidamente nel solco del genere, senza però essere veramente nel solco giallo della copertina, magari più noir o 10YR 2/1. Altri che hanno letto il libro non sono rimasti soddisfatti dal finale, che però tutto sommato a me piace.

Michele Serra, Ognuno potrebbe

Michele Serra è un membro di quella categoria di persone che svolgono il meschino dovere di partorire ogni giorno un pensierino da scolaro delle elementari per la pubblica fruizione. La forma libresca non migliora l’esito e questa storia di un precario, scritta da uno che il precario non sa nemmeno recitarlo sotto forma di macchietta, non piace proprio.

Timur Vermes, Lui è tornato

Tanto inquietante (oggi ancora più di quando è stato scritto, solo nel 2011) quanto scopppiettante, questo è il libro che più mi è piaciuto leggere nel 2018, carico di continui rilanci che solo un buonsenso ormai intorpidito può considerare assurdi. Non ho visto il film che ne è stato tratto, in cui il protagonista non è Hitler bensì Mussolini, ma ne ho parlato con alcuni che lo hanno visto: il discorso è andato a parare sul “messaggio” che l’autore trasmette. Io penso che sia un messaggio molto implicito, che l’autore abbia saputo mostrare in modo eccellente come funzionano, come possono funzionare certi meccanismi psicologici e sociali che hanno conseguenze rapidamente irreparabili, senza bisogno di manifestare una “ovvia” valutazione negativa che avrebbe reso molto meno incisivo il suo autentico messaggio. In ogni caso, lui è tornato già parecchie volte negli ultimi anni e sembra che non siano state vendute abbastanza copie di questo libro.

Edoardo Nesi, Storia della mia gente

Chi abbia dato un premio a questo libro, dovrebbe almeno giustificare il vistoso errore grammaticale del titolo, poiché questa è una storia individuale e solipsistica, vissuta e narrata alla prima persona singolare, da parte di un autore che, del suo passato rimpianto da rampollo fallito di famiglia operosa, ricorda i nomi propri dei macchinari (femminili, ovviamente) ma non quelli degli operai. Uno che dedica varie pagine al Martini nell’ambito del tracollo economico della piccola media impresa manifatturiera italiana. Uno che è felice di scendere in piazza a manifestare perché lo fa stare bene.

Il motivo del blasone è presto detto, essendo l’autore stato precedentemente inserito nella shortlist ha deciso di titillare il premio stesso con continui rimandi ad esso, rendendolo (immaginiamo a propria insaputa) co-protagonista di questa farsa che sa rendersi lucida solo in forma onirica – rivelandosi anche genuinamente impregnata di razzismo.

Paul Auster, 4 3 2 1

Questo libro, questi libri, sono anzitutto una smisurata forma di devozione, una lunghissima dichiarazione d’amore verso la scrittura e la letteratura, verso New York e Parigi e forse anche verso l’essere ebrei negli Stati Uniti. Non per caso la prima parte mi ha ricordato fortissimamente Middlesex, così come il rimando continuo tra storia personale e storia collettiva, non un semplice sfondo ma un palcoscenico.

Il volume è imponente e ha richiesto una certa disciplina nella lettura, evitando tassativamente di leggere più di un capitolo al giorno per non andare in confusione, ma la trama è certo uno degli elementi meno portanti del capolavoro, come prevedibile. Trama che è composta anche di frammenti, mattoni autobiografici composti in modi sempre diversi.

Ci sono capoversi lunghissimi che vorresti non finissero mai. Ci sono liste, ma che liste, di libri, di film, di poesie, di musica. C’è tantissimo sesso, muoiono molte persone e sono sempre le stesse persone i personaggi che vivono 4, 3, 2 vite leggermente o completamente diverse dall’una che tiene il filo.

Si ride, si gode e si soffre moltissimo con questo libro.

Paolo Lazzarin, Patagonia

Questo che mi ha regalato Elisa il 26 dicembre è un delizioso resoconto fotografico di viaggio. La Patagonia, al di là delle frasi da guida turistica, è difficile da spiegare, e la vastità degli spazi soverchia la vista, la mente. Questo viaggio si è svolto principalmente lungo la catena andina, via terra in direzione sud e via mare in direzione nord. Il nostro viaggio, più spezzato e incoerente, era stato certamente meno lento ma comunque sfogliando le pagine ho ritrovato quelle montagne, quelle strade e quei guanachi — perché poi sono uno dei compagni di viaggio più memorabili. Grazie.


Nel 2019 ho deciso che leggerò solo libri scritti da autrici.

I libri che ho letto nel 2017

Quest’anno mi porto avanti di qualche settimana rispetto al ritardo astronomico maturato negli anni e pubblico la lista dei pochi libri che ho letto nel 2017.

Il 2017 è stato l’anno in cui sono diventato papà, in cui ho traslocato dalla città dove è nato mio figlio a quella dove sono nato io ma dove non avevo quasi mai abitato, in cui ho cambiato lavoro per poter finalmente continuare a fare il mio mestiere. Quindi, scusate se ho letto troppo poco. Anche nel 2017 non ho letto nessun libro che non fosse scritto in italiano (mica intenzionalmente).

Ho anche iniziato a tenere traccia dei libri su inventaire.io.

Piero Colaprico, Trilogia della città di M.

Questo libro mi è stato donato da Stefano R., nativo della città di M., quando ho iniziato a lavorare nella città di M. il 13 dicembre 2017. L’ho consumato nei vagoni ferroviari prima dell’alba e dopo il tramonto viaggiando quotidianamente da Genova.

Le tre storie in cui si muove l’ispettore Bagni sono ambientate in una città di mezzo, tra quella vecchia che sta scomparendo e lascia il tempo ad una nuova. Muovendomi nella zona del Ticinese più volte ho provato la sensazione di essere stato in quei luoghi. Non sono un assiduo frequentatore della letteratura di genere, ma se leggo un poliziottesco, ora preferisco Bagni ai suoi colleghi più televisivi.

Wu Ming 1, Un viaggio che non promettiamo breve

Ho iniziato a leggere questo libro verso fine anno, proprio come la Trilogia ad inizio articolo, viaggiando in treno lungo uno dei percorsi che dovrebbero essere toccati dalle Grandi Opere. E poiché il libro racconta con estrema precisione la realtà, ho faticato ad ogni pagina a reggere il peso di tutte le nefandezze, e per adesso non ho letto che un terzo del libro, forse un po’ meno.

È un libro che deve essere letto, perché è una storia che non è ancora conclusa e da queste parti oltre alla inutile e dannosa TAV abbiamo un altrettanto inutile terzo valico ferroviario, mentre le linee ferroviarie già esistenti del pendolarismo quotidiano sono in frantumi.

Edmund De Waal, La strada bianca

Questo è un libro di cui mi sono innamorato vedendo la copertina in vetrina nella mia libreria. A me piacciono le copertine che raccontano qualcosa del libro, e questa era già di per sé meritevole di essere portata a casa, anche se non ci fosse stato il libro dentro.

Ho letto il primo capitolo con l’emozione di chi scopre un tesoro. L’ho dovuto persino rileggere a voce alta, per poterlo capire in tutta la sua poesia. Questo libro è stato compagno di viaggio tra la fine del 2016 e l’inizio del 2017.}

Non ho mai letto Un’eredità di avorio e ambra, che pure è sulla libreria di casa da anni. Non avevo capito bene di cosa si trattasse, potrei dire.

Per me la ceramica, e quindi anche la porcellana, è un elemento primordiale a cui ho dedicato moltissima parte della mia vita adulta, soprattutto manipolando, guardando, osservando migliaia di vasi rotti. Leggerne una storia raccontata in prima persona è stato un percorso di ricucitura, una forma di kintsugi letterario.

Marco Danielli, Uscita di sicurezza

Marco è prima di tutto un collega, che potrebbe sembrare molto versatile, vista la varietà di ruoli che ha rivestito nella vita in situazioni molto diverse. È stata una grande sorpresa scoprire che è anche un abile scrittore.

Un romanzo d’esordio finemente costruito che combina realtà autobiografica e finzione letteraria.

Igiaba Scego, Adua

Non so se i quattro lettori assidui di questa rubrica ci hanno fatto caso, ma da qualche anno leggo sempre almeno un libro di Africa. Quest’anno, addirittura due.

Leggere di Africa è inevitabilmente una seduta di colonialismo, di post-colonialismo, oltre che di un continente non misurabile, privo di significato a meno di non essere distorto da una proiezione geografica sbagliata. Nel caso clinico italiano credo si possa parlare a buon diritto di post-colonialismo assente – autrici come Igiaba Scego sono ogni giorno lì a smontare il buonismo, soprattutto con storie come quella di Adua, ben più di un romanzo storico.

Chinua Achebe, Le cose crollano

Ricevuto in dono e letto con gusto, questo primo libro della trilogia è un gioiello di grande profondità storica e soprattutto epica. Achebe muove e colpisce i suoi personaggi con l’eleganza di un vero classico. Leggendo è stato impossibile non rispecchiarsi nelle pagine di Congo, così totalmente diverso eppure intrecciato nelle stesse vicende storiche.

IOSACal on the web: quick calibration of radiocarbon dates


The IOSA Radiocarbon Calibration Library (IOSACal) is an open source calibration software. IOSACal is meant to be used from the command line and installation, while straightforward for GNU/Linux users, is certainly not as easy as common desktop apps. To overcome this inconvenience, I dedicated some efforts to develop a version that is immediately usable.

The IOSACal web app is online at https://iosacal.herokuapp.com/.

This is a demo service, so it runs on the free tier of the commercial Heroku platform and it may take some time to load the first time you visit the website. It is updated to run with the latest version of the software (at this time, IOSACal 0.4.1, released in May).

Since it may be interesting to try the app even if you don’t have a radiocarbon date at hand, at the click of a button you can randomly pick one from the open data Mediterranean Radiocarbon dates database, and the form will be filled for you.

The random date picker in action
The random date picker in action

Unfortunately, at this time it is not possible to calibrate or plot multiple dates in the web interface (but the command-line program is perfectly capable of that).

IOSACal Web is made with Flask and the Bootstrap framework, and the app itself is of course open source.

IOSACal is written in the Python programming language and is based on Numpy, Scipy and Matplotlib. This work wouldn’t be possible without the availability of such high quality programming libraries.

IOSACal 0.4

IOSACal is an open source program for calibration of radiocarbon dates.

A few days ago I released version 0.4, that can be installed from PyPI or from source. The documentation and website is at http://c14.iosa.it/ as usual. You will need to have Python 3 already installed.

The main highlight of this release are the new classes for summed probability distributions (SPD) and paleodemography, contributed by Mario Gutiérrez-Roig as part of his work for the PALEODEM project at IPHES.

A bug affecting calibrated date ranges extending to the present was corrected.

On the technical side the most notable changes are the following:

  • requires NumPy 1.14, SciPy 1.1 and Matplotlib 2.2
  • removed dependencies on obsolete functions
  • improved the command line interface

You can cite IOSACal in your work with the DOI https://doi.org/10.5281/zenodo.630455. This helps the author and contributors to get some recognition for creating and maintaining this software free for everyone.

I libri che ho letto nel 2016

Diciamo subito che nel 2016 ho letto poco e male, e diamo la responsabilità al fatto che nella prima parte dell’anno invece ho scritto un po’ (abbastanza da concludere la mia tesi di dottorato, tanto per capirci), mentre nella seconda parte dell’anno ho dedicato del tempo allo studio per un concorso (che poi è andato bene).

Aggiungiamo che poco dopo la fine del 2016, come alcune delle letture suggeriscono, sono diventato papà, e ho aiutato come potevo la mamma con il suo pancione, invece che leggere (tranne un caso in cui ho letto per loro molte volte lo stesso libro ad alta voce).

  • James Ellroy, Perfidia è il mio preferito e mi ha fatto trovare vecchie mappe di Los Angeles (il massimo)
  • Wu Ming, L’invisibile ovunque
  • Joe R. Lansdale, Rumble Tumble che mi ha passato Andrea Bellotti e non glielo ho ancora reso
  • Roberto Negro, Bocca di rosa
  • Loredana Lipperini, Ancora dalla parte della bambine
  • Julien Blanc-Gras, Padri in attesa. Il giornale di bordo di un padre nella Terra della gravidanza
  • Chiara Cecilia Santamaria, Quello che le mamme non dicono
  • Emma Mora, L’orsacchiotto Gedeone (qualche dozzina di volte)