Blogging archaeology: the good, the bad and the ugly

This is round #2 of the blogging archaeology carnival run by Doug Rocks-Macqueen. My previous post is here.

The good

The good is that blogging makes me a better archaeologist. Blogging is a collective endeavour and being part of it has meant for all these years to get in touch with other people, discover research paths that were otherwise invisible. Getting more visibility is only one side of this, and I don’t think my blog is necessarily making me a popular archaeologist, but there have been some fortunate cases, like when I decided to write a story about 20th century mass-produced pottery (apparently very popular!), or the idea of discussing “Archaeology (and Web) 2.0“. Blogging is a skill, that is featured in my CV.

The bad

I cannot always write what I want on my blog. This is partly because I have a natural tendency to write rants, but also because since I started blogging I have always been within some institution (e.g. university) and straight criticism of colleagues or managers is almost always not well received. Now that I work for a public institution, things are even worse in this respect, because I could write a lot about interesting topics, but not without dealing with stories that are potentially disagreeable. I prefer to keep these things for myself, but I’m not happy with that.

Is this really bad? Yes. Writing and blogging comes out of creativity, freedom of expression and speech, and limiting myself to academic topics and general politics is increasingly frustrating.

The ugly

It would be hard for me to find something really ugly about blogging archaeology.  So I’ll just leave you with the final scene of “Rock’n’roll highschool”:

Ugly, ugly, ugly people.

(bonus points if you know why the Ramones must be quoted when dealing with “The good, the bad, the ugly”).

La prossima volta,

La prossima volta che sentite parlare di nuove tecnologie per i beni culturali.

La prossima volta che vedete la favolosa scansione 3D di un monumento.

La prossima volta che vi raccontano che il web e il museo e il futuro e il duepuntozero e la comunicazione e la valorizzazione e la fruizione.

La prossima volta che sentite parlare di innovazione nei musei e nelle biblioteche.

La prossima volta che sfogliate [rivista/sito web che propaganda le magnifiche sorti e progressive delle tecnologie innovative per i beni culturali].

La prossima volta che c’è un convegno per parlare dei vantaggi delle cose elencate sopra…

Ecco, la prossima volta, tenete conto che la British Library ha appena messo su un milione di immagini nel pubblico dominio, che tutti possiamo consultare, usare per fare qualunque cosa. Tipo curiosare, imparare, stamparle sui jeans e proiettarle sulla facciata del Cremlino.

Ne sentirete sicuramente parlare al prossimo convegno in cui si parla di innovazione e di duepuntozero e il futuro… nel frattempo la British Library avrà rilasciato altri dieci milioni di immagini.

Archaeology and Django: mind your jargon

I have been writing small Django apps for archaeology since 2009 ‒ Django 1.0 had been released a few months earlier. I love Django as a programming framework: my initial choice was based on the ORM, at that time the only geo-enabled ORM that could be used out of the box, and years later GeoDjango still rocks. I almost immediately found out that the admin interface was a huge game-changer: instead of wasting weeks writing boilerplate CRUD, I could just focus on adding actual content and developing the frontend. Having your data model as source code (under version control) is the right thing for me and I cannot go back to using “database” programs like Access, FileMaker or LibreOffice.

Previous work with Django in archaeology

There is some prior art on using Django in the magic field of archaeology, this is what I got from published literature in the field of computer applications in archaeology:

I have been discussing this interaction with Diego Gnesi Bartolani for some time now and he is developing another Django app. Python programming skills are becoming more common among archaeologists and it is not surprising that databases big and small are moving away from desktop-based solutions to web-based

The ceramicist’s jargon

There is one big problem with Django as a tool for archaeological data management: language. Here are some words that are either Python reserved keywords or very important in Django:

  • class (Python keyword)
  • type (Python keyword)
  • object (Python keyword)
  • form (HTML element, Django module)
  • site (Django contrib app)

Unfortunately, these words are not only generic enough to be used in everyday speak, but they are very common in the archaeologist’s jargon, especially for ceramicists.

Class is often used to describe a generic and wide group of objects, e.g. “amphorae”, “fine ware”, “lamps”, ”cooking ware” are classes of ceramic products ‒ i.e. categories. Sometimes class is also used for narrower categories such as “terra sigillata italica”, but the most accepted term in that case is ware. The definition of ware is ambiguous, and it can be based on several different criteria: chemical/geological analysis of source material; visible characteristics such as paint, decoration, manufacturing; typology. The upside is that ware has no meaning in either Python or Django.

Form and type are both used within typologies. There are contrasting uses of these two terms:

  •  a form defines a broad category, tightly linked to function (e.g. dish, drinking cup, hydria, cythera) and a type defines a very specific instance of that form (e.g. Dragendorff 29); sub-types are allowed and this is in my experience the most widespread terminology;
  • a form is a specific instance of a broader function-based category ‒ this terminology is used by John W. Hayes in his Late Roman Pottery.

These terminology problems, regardless of their cause, are complicated by translation from one language to another, and regional/local traditions. Wikipedia has a short but useful description of the general issues of ceramic typology at the Type (archaeology) page.

Site is perhaps the best understood source of confusion, and the less problematic. First of all everyone knows that the word site can have a lots of meanings and lots of archaeologists survive using both the website and the archaeological site meaning everyday. Secondly, even though the sites app is included by default in Django, it is not so ubiquitous ‒ I always used it only when deploying, una tantum.

Object is a generic word. Shame on every programming language designer who ever thought it was a good idea to use such a generic word in a programming language, eventually polluting natural language in this digital age. No matter how strongly you think object is a good term to designate archaeological finds, items, artifacts, features, layers, deposits and so on, thou shalt not use object when creating database fields, programming functions, visualisation interfaces or anything else, really.

The horror is when you end up writing code like this:

class Class(models.Model)
    '''A class. Both a Python class and a classification category.'''

    pass

class Type(models.Model)
    '''A type. Actually, a Python class.

    >>> t = Type()
    >>> type(t)
    <class '__main__.Type'>
    '''

Not nice.

Is there a solution to this mess? Yes. As any serious Pythonista knows…

Explicit is better than implicit.
[…]
Namespaces are one honking great idea — let’s do more of those!

The Zen of Python

Since changing the Python syntax is not a great idea, the best solution is to prefix anything potentially ambiguous to make it explicit (as suggested by the honking idea of namespaces ‒ a prefix is a poor man’s namespace). If you follow this, or a likewise approach, you won’t be left wondering if that form is an HTML form or a category of ceramic items.

# pseudo-models.py

class CeramicClass(models.Model):
    '''A wide category of ceramic items, comprising many forms.'''

    name = models.CharField()

class CeramicForm(models.Model):
    '''A ceramic form. Totally different from CeramicType.'''

    name = models.CharField()

class CeramicType(models.Model):
    '''A ceramic type. Whatever that means.'''

    name = models.CharField()
    ceramic_class = models.ForeignKey(CeramicClass)
    ceramic_form = models.ForeignKey(CeramicForm)
    source_ref = models.URLField()

class ArcheoSite(models.Model):
    '''A friendly, muddy, rotting archaeological site.'''

    name = models.CharField()

class CeramicFind(models.Model):
    '''The real thing you can touch and look at.'''

    ceramic_type = models.ForeignKey(CeramicType)
    archeo_site = models.ForeignKey(ArcheoSite)
    ... # billions of other fields

Blogging archaeology: late to the party

Doug Rocks-Macqueen started a blogging carnival at his blog. I am only 11 days late to the party, so here you have the November steko-blogging-samba.

Why did you start a blog?

Honest: I was not aware I was starting a blog. I just created a website (that is, iosa.it) and after a while trying Mambo CMS, I settled on Drupal (version 4.something). The first year or so was all about creating a structured website, with a directory-like structure. Then came blogging about new free/open source software releases and their usage in archaeology. This blog was covered, to my surprise, in a survey about archaeological blogs conducted by Tijl Vereenooghe and presented at the “Cultural Heritage and New Technologies” Wien workshop in 2006. That same year, I had a separate personal blog created, on a multiblog platform hosted by the Italian Linux Society: that blog was mostly about short rants, politics and the occasional tech-savvy post (including my first steps with developing Total Open Station in 2008). A few years later I merged all my blogs into one, this one. Blogging became the least-cost path to sharing my thoughts and interesting things with other people, often colleagues but also casual readers (and almost always it wasn’t really working as a two-way communication channel).

Why are you still blogging?

With Twitter, and Facebook, and millions of other ways to efficiently have real-time communication with colleagues, researchers and the world, this is actually a question about the inner workings of our minds. My blog is still almost irrelevant ‒ in other words I didn’t succeed in creating a successful blog, mostly out of laziness and to some extent lack of coherence in the topics I am able to write about. Less than 2000 page views per month, 80 comments in several years: a nice definition of irrelevant IMHO. Even more frustrating is that, even though I write a lot in English, the vast majority of visitors come from Italy (ciao!). The truth is then that I’m blogging for myself in first place.

Last month I was very lucky and I took part in a panel about archaeological blogging and bloggers in Paestum. It was a first time in Italy ‒ that perhaps explains how antiquate Italian archaeology is ‒ and most of the discussion we had was about improving how bloggers are perceived as communication mediators by domain experts in archaeology and cultural heritage. It turns out that institutional, personal, academic and “promotional” blogging are quite different beasts and being proficient in one of those will lead you nowhere with the others. My attitude is definitely not appropriate for promotional 2.0 social [insert buzzword here] blogging ‒ I’m not saying it is worthless, just that I don’t feel able to do that, even though outreach efforts towards the public are extremely important: educating, engaging, entertaining are not an optional if our shared cultural heritage is to survive for future generations.

My blogging has always been mostly personal and academic (about research issues and smaller ideas that are not worth a paper ‒ more on this misconception I have below ‒ but also the occasional reporting from a conference I attended), and the two can be quite similar except in the quality of writing and sourcing of information. I struggle with perfectionism and most of the times even the most simple post will take me days, because I can only push that PUBLISH button in the WordPress editor when it’s more than acceptable, not too short, with some decent images, and as many external links as are needed for someone who will want to follow up on every single point.

But the trend for me is really towards consuming ridiculous amounts of written bits, on other blogs and on social networks, and producing a tiny fraction of what I consume. I can’t say I read everything that passes under my eyes any more. I skim a lot and concentrating on text on a screen has become difficult lately: a large screen, lots of zooming and going full-screen help to some extent. As a blogger, the issue with this difficulty is that it equally applies to text I am writing. And, although I have never finished writing the follow up to Archaeology as text and archaeology as image, I know how critical it is to master written archaeology ‒ blogging is a sort of spell to break into the magic world of writing archaeology without the barriers of academic writing. Being a PhD student in archaeology was a very good premise to do some serious blogging, and I utterly failed at that, always procrastinating the significant parts of my research for the “serious writing” that happens only rarely: you will find very little about my recent research on this blog and this is a mistake I hugely regret, especially because I know how much I rely on others’ blogs (Bill Caraher, Colleen Morgan, Kostis Kourelis, Sean Gillies, Giuliano De Felice, just to name a few), not much for the raw informational content but for inspiration.

So the truth about why I’m still blogging is that:

  1. writing is an insane necessity, not a rational choice
  2. rationally, blogging is mostly about visibility and networking, that I look for, without much success
  3. there’s always a new WordPress version every few months
  4. I’m so lazy I couldn’t come up with a fourth reason, but I never liked Hegel

Arrivano i Cultural Heritage bloggers: ma chi sono?

Come dice Marina Lo Blundo: ho scritto questo post per il blog della Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico di Paestum 2013. Quest’anno per la prima volta a Paestum si riuniranno alcuni tra i più attivi blogger di archeologia in Italia, in un incontro organizzato apposta per loro e dal titolo “Archeoblog” che non lascia spazio a fraintendimenti di sorta. Cinzia Dal Maso del blog Filelleni ci ha chiamato alle armi, noi abbiamo risposto. Ma prima di incontrarci di persona cominciamo a fare un po’ di casino qua e là in rete. Perché di cose da dire ne abbiamo, e molte.

La nota di avviso su una pagina Wikipedia: leggere con attenzione!
La nota di avviso su una pagina Wikipedia: leggere con attenzione!

Che reazione avete quando trovate un avviso tipo “questa pagina ha dei problemi” su Wikipedia? Io mi sento sollevato, perché qualcuno ha controllato e ha segnalato che devo leggere prestando attenzione, che non tutto quello che leggo potrebbe essere corretto, che se qualcosa non mi torna forse ho ragione io. Leggere prestando attenzione. Leggere. Prestando. Attenzione. È molto difficile, ma credo che ne valga lo sforzo.

E i blog? Non ci sono quegli avvisi sui blog! Facciamo un esempio. La mostra al museo. Un must. Il blogger culturale visita la mostra con occhio esperto, quasi sornione. Ne ha viste mille di mostre. Pubblica qualche foto social durante la visita (se si possono scattare, altrimenti si può sempre fotografare il biglietto, la locandina o il poster), poi la sera a casa apre il suo blog e inizia a comporre:

La mostra sugli ori di Givopoli è un esempio bellissimo di nuove tecnologie applicate all’esposizione museale. Nella favolosa cornice del museo Ripanti di Podello …

Sicuramente avete riconosciuto lo stile: quello che descrive, magari con entusiasmo, solo cose bellissime. Io penso che i cultural heritage blogger possano fare di più e meglio ‒ e alla fine ne guadagnerà anche la promozione.

Facciamo un esempio più concreto, che mi aiuta anche a sviluppare il ragionamento: la mostra su Augusto da poco inaugurata alle Scuderie del Quirinale. Maria Pia Guermandi ne ha scritto sul suo blog, commentando ampiamente le scelte espositive, i contenuti, il progetto editoriale. Dal titolo “Augusto, straniero a Roma“ si capisce che il giudizio non è positivo. Poter esprimere giudizi negativi (sottolineo di nuovo: informati, argomentati) è importante, sano e stimolante per la conversazione!

Confrontate ora quell’articolo con quello molto più breve pubblicato da Giovanni Fantasia sull’Huffington Post. In fondo stiamo leggendo sulle piattaforme web di due testate editoriali, potremmo aspettarci qualcosa di più simile. Fantasia è un giornalista, Guermandi no, ma lui scrive come un blogger e lei scrive come una giornalista. Che confusione! Non bastava scrivere su un blog per essere blogger?

Ma soprattutto, come da tempo si chiedono giovani archeologi alle prese con la comunicazione, qualcuno sarà disposto a pagare un archeo-blogger o una cultural heritage blogger? Magari un museo, uno dei tanti con una strategia di comunicazione che fa vergognare molti e ingegnare alcune?

Parliamone, parliamone a Paestum e parliamone in rete. Se il blogger diventa un creatore di contenuti (e gestore del sito, dell’account social, etc etc) retribuito dall’istituzione culturale guadagna qualcosa economicamente, ma perde in libertà ‒ come puoi scrivere sul blog del tuo museo che la mostra appena inaugurata non è un granché, oppure che per il quinto anno consecutivo l’assessorato ha tagliato i fondi al museo civico … ? Se la blogger rimane indipendente e autoprodotta, mantiene la libertà ma rimane al verde… a meno che non ci sia qualcuno che paga per sostenere una informazione libera, indipendente, brillante sull’archeologia e sul patrimonio culturale. E secondo me è di questa che abbiamo disperatamente bisogno.

 

Appendice: cosa faccio io con/su i blog?

  1. scrivo. Nel web 2.0 si scrive poco e si legge molto. Questo a lungo andare atrofizza la scrittura, che invece è importante e va tenuta in allenamento. Avere un blog è un allenamento per la scrittura ‒ anche se non vi legge nessuno.
  2. racconto. Mi annoio a scrivere resoconti sintetici, preferisco dedicare più tempo e raccontare un evento, un incontro, una storia ripercorrendo i miei passi. A volte impiego mesi e mesi prima di completare un post.
  3. dialogo. Ho la fortuna di avere dei compagni di viaggio con cui dialogare a colpi di commenti, pingback e @-replies. Da loro imparo cose nuove, cercando di non chiudermi in una bolla dove sono circondato solo da quello che mi piace.
  4. critico. Spesso trovo opinioni e azioni altrui che non mi piacciono, e dico la mia. Avere un’opinione (possibilmente informata) è importante, e credo che chi scrive di archeologia non possa farne a meno. In altre parole, non credo nel blog unicamente come una forma di cronaca né di comunicazione promozionale. Entrambe sono infatti a senso unico, al contrario della critica che dice «Ehi! Io la penso in un altro modo, parliamone».

Report, Firenze e il patrimonio culturale in affitto

Qualche giorno fa un servizio della trasmissione TV Report ha affrontato il tema dell’affitto di palazzi, musei e altri luoghi “della cultura” per iniziative private. Non ho visto la puntata in diretta, che si può comunque riguardare sul sito di Report (con tanto di PDF ‒ il filmato si può scaricare senza Silverlight direttamente da qui). Il tema non è nuovo, il Prof. Tomaso Montanari già da tempo ha portato il tema all’attenzione del grande pubblico e alcuni mezzi di informazione se ne occupano in modo abbastanza regolare. La novità questa volta è che c’è stata una risposta molto lunga e dettagliata da parte della Soprintendente Cristina Acidini.

Trovo salutare che ci sia un dibattito nel merito di questo tema, anche se non mi è facile esprimermi in merito, visto che

Salvo il diritto di esprimere valutazioni e diffondere informazioni a tutela dei diritti sindacali e dei cittadini, il dipendente si astiene da dichiarazioni pubbliche che vadano a detrimento dell’immagine dell’amministrazione.

come è scritto nel Codice di comportamento dei dipendenti delle pubbliche amministrazioni.

Ci sono alcune osservazioni che mi sento comunque di fare, su entrambi i versanti della vicenda.

Molti servizi di Report terminano con un commento laconico in cui si dice che la o le persone di cui si parlava nel servizio sono state contattate per fornire la loro versione dei fatti, ma tale offerta è stata declinata. Non mi pare che questo sia il caso del servizio del 28 ottobre, che offre un racconto a senso unico delle vicende, intervistando prima la consigliere comunale Ornella De Zordo e poi Tomaso Montanari (oltre ai passanti, di cui si potrebbe fare sempre a meno, senza eccezioni). Può darsi che sia stato chiesto comunque, non lo sappiamo, ma dalla risposta della Soprintendenza parrebbe di no. Si potrebbe discutere sulla opportunità di accorpare istituzioni comunali e statali in questo servizio, ma non credo sia un problema, poiché vengono trattate separatamente. È certamente inutile e ad hominem la polemica finale sul crocifisso di Michelangelo.

La Soprintendenza, dal canto suo, fornisce una risposta molto dettagliata (che per la cronaca alcuni hanno definito “coda di paglia”). Credo che le informazioni fornite in merito all’entità degli introiti, alla loro destinazione e ai criteri di valutazione dovrebbero vedere la luce non in risposta a polemiche, ma in modo automatico ‒ stiamo parlando di uno dei maggiori poli museali del mondo e quindi i cittadini possono aspettarsi un livello di trasparenza amministrativa superiore alla media. Non perché ci debba essere per forza un inghippo da scoprire (o tenere nascosto) ma semplicemente perché questa è la direzione in cui la PA sta andando. Se ne parla da anni a ForumPA, ci sono disposizioni e decreti, ma sappiamo tutti che le buone pratiche hanno bisogno di più tempo per crescere e spero, come cittadino e come dipendente MiBACT, che questa sia una buona occasione per fare qualche passo in quella direzione. Un secondo punto che mi sembra importante riguarda la

[…] bozza di tariffario dei canoni da applicare ai concessionari di spazi museali, un documento di lavoro elaborato nello scorso luglio, destinato a un uso interno della Soprintendenza, ma evidentemente fatto uscire all’esterno a insaputa del Soprintendente. Su questi dati provvisori sono stati espressi i commenti di cui sopra.

ovvero il documento su cui Tomaso Montanari basava le sue valutazioni negative. Quello su cui non sono d’accordo è la critica che viene fatta all’uso giornalistico di questo documento:

Ci si può chiedere a quale standard etico corrisponda l’avvalersi in pubblico di materiale riservato, uscito senza alcuna autorizzazione in quanto indebitamente sottratto.

I giornalisti usano fonti, e il fatto che un documento sia riservato o meno non è un criterio giornalistico. Le inchieste giornalistiche funzionano così, e dobbiamo essere contenti che ci siano inchieste giornalistiche, anche con le loro mancanze (vedi sopra), che permettono al pubblico di informarsi e approfondire. Io credo che il problema più grave dei luoghi della cultura in Italia sia proprio che sono fuori dal radar del quotidiano. Spero che le precisazioni della Soprintendenza (dovute e circostanziate) siano valide di per sé e che questa vicenda non prosegua come tante altre a colpi di querele.

Comunque, è un altro il problema messo a nudo da questo dibattito, almeno dal mio limitato punto di vista, quello dell’archeologo. Chi si indigna vorrebbe questi luoghi relegati nella sfera del sacro, o per lo meno dell’esageratamente caro ‒ in fondo la polemica nasce dal fatto che personaggi sfacciatamente ricchi avrebbero avuto sale e giardini in affitto a prezzi stracciati: andavano spremuti per bene. E giù a sciorinare le cifre che sarebbero appropriate (forse pagando mezzo milione di euro il rischio di incendi in museo diminuisce?). In definitiva, come sempre, guai a toccare la culla del Rinascimento, il trionfo dei bellissimi affreschi e così via. Io penso che se Cultura in Italia continua a far rima con Bellezza, possiamo pure continuare a redigere il listino prezzi e (s)vendere alle élite di oggi i fasti delle élite di ieri, mentre il pubblico sta a guardare e le luci della scena sono sempre e comunque puntate lì, sui capolavori, sulle meraviglie.

Ogni tanto qualcuno mi chiede se lavoro per le Belle Arti (sic) e le «testimonianze materiali aventi valore di civiltà» rimangono nei magazzini, nei musei di provincia, nelle località sperdute dell’Italia. Di quelli in tv difficilmente vedrete parlare.

Antinoe brucia. Colonialismo e archeologia romana

Antinoe è in preda ai saccheggi incontrollati. Non da ieri, come aveva già ampiamente segnalato Cinzia dal Maso su Filelleni. La città fondata da Adriano è abbandonata a se stessa e gli abitanti preferiscono i guadagni facili degli oggetti venduti “illegalmente” alla tutela del sito archeologico con cui convivono. Come sempre in questi casi, la situazione drammatica genera indignazione in un pugno di addetti ai lavori: non abbiamo abbastanza vite per firmare tutte le petizioni a difesa del museo che chiude, del sito distrutto dalla strada, del monumento deturpato dalla nuova costruzione, del paesaggio rovinato dalle pale eoliche. Antinoe però non è un sito come tutti gli altri, e infatti la notizia (con i suoi tempi) arriva sulle pagine de La Stampa. Maurizio Assalto il 7 giugno scorso ha raccontato questa brutta storia, raccogliendola direttamente dalla voce di Rosario Pintaudi, uno degli archeologi italiani (papirologi? egittologi? siamo così provinciali) che svolge ricerche nella antica e sfortunata Antinoupolis. Leggiamo il passo in cui Assalto ci offre la sua incitazione ad indignarci:

Una situazione drammatica, che dovrebbe coinvolgere in particolare noi italiani non soltanto perché Antinoe è stata fondata da un imperatore romano, sia pure di origine iberica, ma anche perché al sito lavorano dal 1935 missioni del nostro Paese – dopo che a fine ’800, in capo a un secolo di devastazioni di ogni genere, vi erano passati i francesi, con Albert Gayet, e prima della Grande guerra gli inglesi alla ricerca di papiri. Eppure, tra una crisi economica e una politica, da Roma nessuno si è fatto sentire. Le stesse autorità egiziane non sembravano troppo interessate, e si capisce, perché i lasciti romani sono sentiti come estranei al patrimonio locale (tanto è vero che si sono mosse soltanto quando hanno saputo che era minacciato anche un tempio costruito in zona da Ramesse II), e del resto un turista che si avventura sulle sponde del Nilo cerca le vestigia dei faraoni più che quelle dei dominatori successivi.

Ricapitoliamo:

  1. Adriano era di origine iberica (quasi extracomunitario e pure frocio, diciamolo) ma comunque è stato un imperatore romano, roba nostra
  2. tutto il territorio interessato dall’Impero romano, o perlomeno tutte le città fondate da imperatori romani, devono essere di immediato interesse non solo dei cittadini italiani, ma anche del Governo (“Roma”)
  3. per fortuna nel 1935 sono arrivati i bravi archeologi italiani a salvare Antinoe dai precedenti saccheggiatori e dai cercatori di papiri
  4. rimanendo sulle sponde del Nilo per appena un migliaio di anni, il regno tolemaico e l’Impero romano sono chiaramente “dominatori” dell’Egitto e per questo le loro vestigia vengono liberamente sottoposte a saccheggio

Tanto per capirci, sono 9 anni che partecipo a una missione archeologica all’estero, con qualche problema politico-militare in meno rispetto a quella in questione, ma con tutti gli stessi problemi etici e culturali. Da diversi anni mi pongo il problema di cosa ci stiamo a fare noi archeologi a casa degli altri. Ci sono oltre 150 missioni archeologiche italiane all’estero, limitandosi solo a quelle che il Ministero degli Esteri sostiene (solo in parte, ça va sans dir), tra le quali peraltro l’Egitto occupa il primo posto insieme alla Turchia (14 missioni). Ho avuto modo di ascoltare i ricercatori fiorentini alcuni anni fa e ricordo nelle loro parole la stessa sensazione di fragilità per l’equilibrio precario che sempre si crea tra missioni archeologiche e comunità locali (all’estero, in Egitto, in Grecia così come in Maremma e in Salento). Il patrimonio archeologico non è solo di chi ci abita a fianco, ci mancherebbe. Ma per secoli noi civili sapiens sapiens abbiamo “salvato” questo patrimonio strappandolo alle sue radici, decidendo cosa era di valore e cosa no, costruendo una fiaba crudele di impero rinnovato. Leggete chi e come ha partecipato alla lunga stagione degli scavi italiani in Egitto sul sito dell’Istituto Papirologico “G.Vitelli” per farvi un’idea. Personaggi di altissimo livello come Ernesto Schiaparelli (Senatore del Regno), Carlo Anti (rettore dell’Università di Padova), Evaristo Breccia (rettore dell’Università di Pisa). Ma dal 1935 ad oggi la missione civilizzatrice non ha funzionato. Colpa dei selvaggi abitanti di Sheikh ‘Ibada? Forse no, non solo. Rileggete la storia degli scavi e concentratevi sui nomi dei luoghi: Hermopolis Magna, Ossirinco, Tebtynis, Ankyronpolis, Antinoe. Ci muoviamo nel presente degli altri ignorandolo, abbiamo solo occhi per il nostro passato, che era lì, nello stesso posto dove si scava alla ricerca di papiri. Un esame di coscienza… si può rinunciare a indignarci allora? No.

Ma il valore di questo patrimonio non è assoluto, scolpito nella pietra (scusate la facile ironia). In Italia lo abbiamo scritto nella Costituzione, e tanti se ne fregano comunque. E forse l’indignazione non è ancora giunta alle orecchie di Assalto, ma nello stesso modo vengono regolarmente depredati anche i siti di età dinastica e predinastica in Egitto, che non sono certamente “estranei al patrimonio locale”. In Siria, in Iraq, in Libia, abbiamo visto le stesse immagini, la stessa indignazione verso persone ignoranti o disperate o proprio infami che distruggono il proprio passato o quello di un popolo intero per soldi (pochi o tanti, dipende dagli acquirenti, quasi tutti maschi bianchi). Abbiamo visto un po’ meno indignazione quando persone coltissime stringevano amicizia con chi distrugge il presente e il futuro del popolo siriano. Se il dubbio è tra regimi repressivi e devastazione del patrimonio archeologico, c’è qualcosa che non va nella nostra missione civilizzatrice. Se su un quotidiano “colto” come La Stampa si leggono queste amabili idee colonialiste, basta chiudere gli occhi e sembra davvero di essere tornati al 1935 e ad un imperatore torinese.

MAPPA video contest: still a long way to go

The friends of MAPPA Project have put up a video contest for their second and final workshop. Participants had to submit a 3-minutes video (or multimedia presentation, and this point had a very important effect on the results). You can vote until 15th June, one video per category. The videos are listed on the MAPPA website.

Go and have a look: there are 20 videos, it would take you one hour to see them all. Actually, it took me much less than that. Why? Because most of them are not really videos, but rather mute slideshows. First I will give some stats, and after that I’d like to add a brief comment.

On the audio side:

  • 10 out of 20 videos are mute, no sound, no music, no voice ‒ mostly an (animated) slideshow
  • of the other half, 7 have only a music background
  • only 3 have a recording of human voice

Looking at the video part:

  • 14 out of 20 are, as said above, simple slidehows of a (PowerPoint/Impress/Keynote/Prezi) presentation
  • the remaining 6 show a mixture of video footage, 3d models and slides

I have been following the topic of video-making in archaeology since 2008, when I made my first appearance in a docudrama thanks to my friend Cioschi. I am far from being an expert, but I am an opinionated archaeologist and to me the stats shown above sound like a disaster. After all these years, the majority of (Italian) archaeologists still thinks that a mute slideshow is good enough to take part in a video contest..? I don’t like to dismiss the work of other people as badly done, so I will try and look at the positive side, that is the two videos that caught my attention. I am definitely encouraging you to vote for these two ‒ not only because they are well done, but in the end I think we all need good models to follow and this contest is a good chance to provide such models.

The two videos I liked are, unsurprisingly, those where there is a human voice. The first one is #4 “Invisibile Heritage: The Paradox of Landscape” by G. Di Pasquale and others:

What’s so good about this one? The video footage is of high quality. The voice is telling a story, with a calm tone. Overall, it could be an excerpt from a longer video suitable for TV. However, there is still something missing: people. This is probably done on purpose, exactly because there is an almost obvious model in those TV documentaries where only landscape is seen and the voice provides a commentary.

However, I liked a lot more entry #12 by Giuliano De Felice and Francesco “Cioschi” Ripanti, called “Cannoni e farfalle” (Cannons and butterflies):

What’s so special about this one? There are three actors, with dialogues and a storyline. The footage is of good quality, and I really liked the photography with the contrast between dark and light. The setting is a familiar one, with dozens of crates filled with pottery. The plot provides a situated explanation of why open access is important, not an absolute one (much in the same spirit as the out of contest video where Socrates is seen engaging with other philosophers…). There is a musical background for the slides. This video is well-executed and it is clearly meant to fit into the 3-minutes slot from its inception. The model in this case is IMHO clearly represented by short videos shown in popular political TV shows where interviews and graphics are intertwined at a fast pace, both giving some factual information and involving the spectator on a more emotional level. Here the pace is quite slow, even though there is a mild contrast between the calmness of the dialogue and the music.

Nothing like the above could be said about all the other videos. They may be video files uploaded on a video platform, but there is no trace of “video” being used as a communication language. We really need to improve that. It’s not about using a video-editing program, that is useless if there is no storyline or even worse no story at all. I think this may be the right time to tackle this problem.

As a final disclaimer, I want to point out very clearly that I have the privilege of being friends with both Giuliano and Cioschi, so I may be biased here because I have been discussing these issues with them for some time now. And I also know Di Pasquale and some of his colleagues. Actually, I know some of those who submitted other entries in the contest, too. I hope they will understand my comments here are purely technical and with the needed training they will be able to create beautiful videos to present and promote their work. Videomaking is crucial for public archaeology: let’s get it right!

Spark plugs and archaeological finds: where do the ethics of fieldwork stop?

Yesterday I posted a picture of a crate with sherds of Roman pottery and a spark plug. That was fun to find and look at, because of course a spark plug is an out-of-place artifact among archaeological finds. Or rather, it is not at all.

As Lewis Binford would argue, both Roman pottery and the lonely spark plug live in the present, regardless of when they were made. Archaeologists like to think of storage buildings as “sacred” spaces of cleanliness, order and rest for the countless finds we unearth every day. That’s what manuals prescribe, so it must be like that. However, as anyone who has seen some of these rooms filled with crates and boxes knows, disorder and dirt is the rule, not the exception. There is rarely, if ever, a clear-cut separation between storage of finds and working tools, or in the best cases between storage and display. Corridors are always blocked by other crates that couldn’t find a place on the shelves. Finding where one specific crate is may take one minute, but it is always pulling it out that will keep you busy for ten or fifteen minutes. All this provided that proper archive records exist and that you can get a list of where things are, and that may prove difficult or even impossible, regardless of who is in charge of producing such a list (heck, you may be responsible in most cases). That spark plug is not there to annoy or bemuse, it is just a gentle reminder that labels and clean sherds do not stop things from happening, objects from moving (shelves collapsing, crates of any material rotting away and breaking) and people interacting with them all the time. There you have it, a storage room filled with archaeological finds is a living context, and one that should not look unfamiliar to an archaeologist.

Me with a mask
Me with a dust mask. Is that enough for punk archaeology? On the back, the usual suspect crates of finds.

Sub-optimal working conditions, uncontrolled temperature (both cold and hot), dust everywhere, need to move heavy loads: this list may be just a random sample of the small everyday glitches of archaeological fieldwork … including that of the finds specialist, and of the assistant to the finds specialist, and of the person working to keep that sacred space clean and accessible (whatever their job is called).

There is an hopefully increasing consciousness of the beauty and significance of “digging the dirt” (best exemplified by works as Between dirt and discussion by Gavin Lucas) in archaeological fieldwork. Dirt is qualifying archaeology, and attempts to leave it out of archaeological discourse are demeaning. No matter how much you clean them, potsherds are still pieces of fired clay found in the soil. Let us bring more of that consciousness out of the trenches, because in the end the substantially boring nature of our work is the same.

Crazily enough, I am discussing most of the above in my dissertation.